14 Luglio 2017
27 Agosto 2017


Facebook Twitter

LIVESTUDIO A F4



Inaugura venerdì 14 luglio alle ore 18 presso la Fondazione Francesco Fabbri di Pieve di Soligo (TV), la settima edizione di F4 / un'idea di Fotografia, uno dei più importanti festival dedicati alla fotografia contemporanea a livello nazionale. 

 

Nell'ottica di rendere la pluralità di linguaggi in cui si articola l'immagine contemporanea, il festival propone incontri, workshop e mostre dei maggiori autori contemporanei e degli artisti emergenti internazionali. Uno dei temi principali del festival è la visione di un paesaggio che accanto alla narrazione del territorio, ne esplichi la relazione con l'elemento umano e gli aspetti percettivi ad essi connesso. L'edizione di quest'anno si interrogherà sulla figura di Francesco Fabbri e, in modo particolare, sul portato culturale e civile del suo pensiero; il tema su cui saranno chiamati a riflettere gli autori italiani e internazionali, coinvolti attraverso una call, verterà intorno al concetto di comunità.

 

A fronte della collaborazione tra la Fondazione Francesco Fabbri e il programma di residenza LIVEstudio promosso da Metronom, Camille Lévêque e Claudia Petraroli, le due artiste residenti in Metromom per LIVEstudio#3, esporranno le loro ultime ricerche nel contesto dell'edizione 2017 del Festival. 

 

Camille Lévêque presenta In search of the father, analisi in tre capitoli, dove il mezzo fotografico è utilizzato come strumento attraverso il quale indagare la mancanza del padre. L'artista riflette sul ruolo rivestito dalla figura paterna all'interno della società contemporanea, suggerendo diverse interpretazioni attraverso l'uso di immagini vernacolari, satiriche o commerciali. A volte aggressivo oppressore, talvolta rassicurante protettore, l'artista traccia diversi modelli di paternità, mostrandone al contempo l'assenza.

 

Claudia Petraroli propone il progetto La pregunta de sus ojos, nato da una fascinazione per le immagini acheropite, raffigurazioni sacre e miracolose apparse in seguito ad un intervento divino e venerate come reliquie. L'artista interpreta concettualmente queste immagini come anticipazioni di quelle prodotte dagli apparecchi tecnologici, scegliendo di prelevare una campionatura di materiale tratta dalle sagome riflesse nelle pupille della Nostra Signora di Guadalupe. Attraverso software di elaborazione 3D, l'artista intende realizzare un'installazione dalla doppia valenza di 'impressione tangibile' materializzata nello spazio e scultura tecnologica, mediazione dell'ipotesi del sacro. 

 

Camille Lévêque (Parigi, 1985) è laureata in Storia dell'Arte e Letteratura dell'Università di Parigi. Dal 2007 al 2008 vive in Armenia, dove riceve la commissione dell'Ambasciata Francese e da UNHCR di creare un reportage sulla condizione dei rifugiati dopo la guerra del Nagorno Karabakh. Tornata a Parigi dal 2010, inizia una collaborazione come Editorial Assistant con Magnum Photos. È una delle fondatrici del collettivo Live Wild Collective. Nel 2017 è stata selezionata per l'Athens Photo Festival. A settembre 2017, insieme a Live Wild Collective parteciperà alla sezione Co-op di Unseen Photo Fair ad Amsterdam.

 

Claudia Petraroli (Teramo, 1987) inizia i suoi studi in Storia dell'Arte a Roma. Lavora come fotografa indipendente e nel 2014 si iscrive al biennio di fotografia dell'Accademia di Brera a Milano, che segna l'inizio della sua ricerca artistica. Ha esposto in mostre collettive in Italia e all'estero, tra cui GFI#5_Loop ai Musei Civici di Reggio Emilia per l'edizione 2017 di Fotografia Europea. È stata selezionata del festival Fotopub di Novo Mesto, Slovenia per presentare in una mostra personale le sue ultime ricerche.

 

F4 / un'idea di Fotografia 2017
Opening // venerdì 14 luglio, ore 18
15 luglio - 27 agosto 2017
Villa Brandolini, Pieve di Soligo (TV)
Piazza Libertà 7

scarica il fileComunicato Stampa
scarica il fileInvito