LISA KERESZI - FANTASIES ACCADEMIA FOTOmetraggi ANNABEL ELGAR - INTERLUDIO MARCO SIGNORINI - EARTHHEART SANNA KANNISTO - CLOSE OBSERVER wunderCAMERA WUNDERCAMERA/libri TAISUKE KOYAMA - RAINBOW VARIATIONS AND OTHER WORKS ESTHER MATHIS - ERA FLUIDO THE COOL COUPLE, IOCOSE - TWIST IN THE TAIL ALBERTO SINIGAGLIA - BIG SKY HUNTING MARTINA DELLA VALLE - FRAMED MEMORIES FABRIZIO BELLOMO - ES GEHT EINFACH UM NUMMERN MARCO SIGNORINI | ANAGRAM Through The Looking Glass | della Valle, Elgar, Reinhard Tim Cullmann | Metronom_fuorimappa + THC Generazione Critica #4 MUDDY WATERS | CHRISTTO & ANDREW Agenda Independent | Arte Fiera 2017 Modena INSTAmatic LIVEstudio#3_display ANTOLOGIA Rachele Maistrello | One of Us Fotopub 2017 Unseen Amsterdam 2017 Seeing Double | Luca Massaro ART VERONA 2017
Facebook Twitter

LISA KERESZI - FANTASIES



METRONOM inaugura il proprio spazio espositivo con la prima personale italiana della fotografa americana Lisa Kereszi. La mostra presenta una selezione di 22 fotografie tratte dalla serie Fantasies.

 

Il progetto Fantasies nasce e si sviluppa tra il 1999 e il 2005, a partire dall'incontro fortuito di due progetti fotografici di Lisa Kereszi. Nella sua ricerca sugli interni vuoti dei locali notturni, una notte del 1999 la fotografa approda allo Show World, uno strip club di Times Square nel cuore di New York, dove assiste a uno spettacolo di new burlesque. Quella notte Lisa Kereszi scatta la fotografia di una ballerina, Dirty Martini, dando così inizio al suo lavoro fotografico sul burlesque.

 

Lo stile del burlesque fa rivivere l'arte dello strip-tease come gioco provocatorio: le ballerine ritratte sono spogliarelliste sui generis, performer vicine all'immaginario delle pin-up che danno vita a uno spettacolo fatto di piume, lustrini e trucchi di scena. Alle immagini vibranti e vitali delle showgirl fanno da contrappunto quelle degli interni vuoti, che raccontano di tappeti logori, neon colorati, sagome femminili nude ritratte a mano sulle pareti e mozziconi di sigarette. Lontana dall'intento documentaristico, Kereszi si concede un sentimento nostalgico, un vivo desiderio di rappresentare qualcosa che forse esiste solo nell'immaginazione.

 

Come scrive Lynne Tillman, «il sontuoso, intenso, schietto, meravigliosamente composto mondo d'immagini di Lisa Kereszi ci ricorda che ciò che è incluso nell'inquadratura, o ne è escluso, non è soltanto una questione formale. Il paradosso delle sue fotografie consiste nel fatto che esse premiano la necessità di guardare ma, allo stesso tempo, creano un forte desiderio di ottenere qualcosa di più, di vedere confezionato e prodotto ciò che non può mai venire rappresentato: le fantasie dell'infanzia».

 

Lisa Kereszi (Pennsylvania, 1973) vive e lavora a New York. Diplomata al Bard College, ha lavorato a New York come assistente di Nan Goldin. Laureata alla Yale University, dove ora insegna, ha al suo attivo due pubblicazioni e numerose mostre personali e collettive presso musei e gallerie internazionali. Le sue opere fanno parte delle collezioni di fotografia dei più importanti musei degli USA tra cui Whitney Museum of American Art, New Museum of Contemporary Art, Brooklyn Museum of Art, Ogden Museum of Southern Art, Berkeley Art Museum e Yale University Art Gallery. 

 




scarica comunicatocomunicato stampa
scarica biografiecv