LISA KERESZI - FANTASIES ANNABEL ELGAR - INTERLUDIO SANNA KANNISTO - CLOSE OBSERVER wunderCAMERA TAISUKE KOYAMA - RAINBOW VARIATIONS AND OTHER WORKS ESTHER MATHIS - ERA FLUIDO THE COOL COUPLE, IOCOSE - TWIST IN THE TAIL ALBERTO SINIGAGLIA - BIG SKY HUNTING MARTINA DELLA VALLE - FRAMED MEMORIES FABRIZIO BELLOMO - ES GEHT EINFACH UM NUMMERN MARCO SIGNORINI | ANAGRAM Through The Looking Glass | della Valle, Elgar, Reinhard Tim Cullmann | Metronom_fuorimappa + THC MUDDY WATERS | CHRISTTO & ANDREW ANTOLOGIA Rachele Maistrello | One of Us TILO&TONI | Park Hotel Sanna Kannisto | White Space ARTE FIERA 2018 / PHOTO POLIS / Artworks | Spazio Carbonesi From my point of view ARTIFACT PRIZE 2018 The Dust in my Pocket The Wanderer Proximity | Fotopub Unseen | Amsterdam ART VERONA 2018 PARIS PHOTO | TAISUKE KOYAMA GENERAZIONE CRITICA #6 ARTEFIERA 2019
Facebook Twitter

MARTINA DELLA VALLE - FRAMED MEMORIES



In occasione del festivalfilosofia 2015, sul tema dell'ereditare, Metronom propone un allestimento del progetto Framed Memories di Martina della Valle presso lo spazio Metronom Fuorimappa.

 

La ricerca di Martina della Valle è una riflessione sul concetto di traccia come impronta fisica e mentale, depositata dal tempo e dall'agire umano in spazi vissuti o anche solo sulla superficie di oggetti di uso quotidiano. Martina Della Valle per il festivalfilosofia 2015 propone l'allestimento di Framed Memories, un progetto di lavoro iniziato nel 2009 partendo da un archivio fotografico trovato a Berlino.

 

Lo spunto delle fotografie rivenute, che spesso sono accompagnate da didascalie, nomi o date, ha aperto a Martina della Valle la possibilità di un lavoro inedito, in cui le storie personali sono nascoste, occultate, un solo dettaglio risulta visibile allo spettatore che guarda alle opere quasi come sbirciando dal buco della serratura. Il contesto, i protagonisti, il tempo è spesso tutto da immaginare e da ricostruire, a partire da un segno, da una traccia, dal dettaglio di un luogo che magari non c'è più o che comunque è stato trasformato. La capacità affidata alla fotografia di custodire una memoria, o un frammento almeno, è utilizzata per ricercare e preservare materiali, immagini, storie e luoghi da intrecciare con le stratificazioni del tempo.

 

Iniziato come progetto di una residenza di artista in Giappone, la serie Framed Memories, che si è nel tempo arricchita grazie alle diverse città in cui il materiale è stato cercato e raccolto, è allo stesso tempo una ricerca sul rapporto che diverse culture hanno con il passato e con la rappresentazione del passato. 

 

Martina della Valle è nata nel 1981 e vive e lavora tra Milano, Firenze e Berlino. Nel 2003 si diploma in Fotografia all'Istituto Europeo di Design a Milano. Nel 2007 ha partecipato al CSAV della Fondazione Ratti a Como e ad una residenza offerta dalla Dena Foundation al Centre des Recollets a Parigi. Nel 2009 è stata invitata al programma di residenza Air Onomichi in Giappone e nel 2011 ha esposto nelle personali presso Kuhn Gallery (Berlino) e METRONOM. Nel 2012 è tra gli artisti partecipanti di Madeinfilandia e nel 2013 è alla Galleria Artopia, Milano; Hochstrasse 45, Berlino; MIC, Faenza; MAXXI, Roma. Espone poi in una mostra personale presso l'Istituto Italiano di Cultura di Parigi in occasione del Mois de la Photo 2014.

 

FRAMED MEMORIES | MARTINA DELLA VALLE
Preview // 9 settembre 2015, ore 18.30
18 settembre - 3 ottobre 2015
METRONOM FUORIMAPPA
Via Carteria 8, Modena




scarica comunicatocomunicato stampa
scarica biografiecv